Inventario, di Mario Benedetti

Leggere Benedetti è una meravigliosa terapia per curare il mal de vivre

Creato da:
Luciano
Sei in: Bibliografie
Ultimo aggiornamento: 19/08/2021
Mario Benedetti (Uruguay, 1920-2009), con oltre cinquanta opere, che abbracciano tutti i generi letterari, è uno degli scrittori ispano-americani più letti in assoluto. Come poeta la sua popolarità è paragonabile a quella di Neruda nella prima metà del Novecento. Questa antologia abbraccia tutto l'arco della sua vita, dalle prime prove giovanili degli anni '48 e '50, alle ultime degli anni 2000 e 2001 Nel 1973 dovette lasciare il suo paese per motivi politici, dopo aver militato nelle file dell'opposizione al regime militare. Le tappe del suo esilio, durato dodici anni, sono state l'Argentina, il Perù, Cuba e la Spagna. Sono frequenti, nella sua opera le tematiche dell'esilio, del carcere politico, della tortura e dei desaparecidos, che lo riguardano personalmente insieme ai suoi amici più cari, come Juan Gelman o l'uruguaiano Zelmar Michelini, assassinato a Buenos Aires nel 1975. Ma sono anche frequenti le tematiche della vita quotidiana, della solitudine, dell'amicizia, dell'amore
Consigliato da
Luciano
Responsabile delle biblioteche

Inventario è una raccolta di poesie scritte nell'arco di oltre cinquant'anni da Mario Benedetti, considerato uno dei più grandi poeti in lingua spagnola. Non serve essere appassionati lettori di poesia per apprezzare il lavoro di Benedetti. La sua poesia parla una lingua semplice, popolare, immediata e illumina con lampi di assoluto il cuore del lettore. La raccolta racchiude tutto il mondo di Benedetti: l'impegno sociale (Bonjour buon giorno guten Morgen / su svegliati amore e prendi nota / sono nel terzo mondo / muoiono quarantamila bambini ogni giorno), la quotidianità (Peccato che non sei con me / quando guardo l'orologio e son le cinque / e sono una macchina calcolatrice / oppure due mani saltellanti sui tasti / o un orecchio che ascolta il telefono latrare / o uno che fa i conti per far cantare i numeri), l'amore (Una lettera d'amore non è l'amore / bensì una relazione dell'assenza), il dialogo con i figli (sicchè ora / mi puoi domandare / e soprattutto / io posso rispondere / non si fa sempre quello che si vuole / ma si ha il diritto di non fare / quello che non si vuole) e tutto il resto di un'universo personale pieno tristezza e gioia, ironia e rabbia, amore per la vita e odio per le ingiustizie.
Leggere Benedetti è una meravigliosa terapia per curare il mal de vivre. Provateci. Per incoraggiarvi alla lettura, vi lascio con un'ultimo frammento:

mi è stato consigliato di cambiare scrittura

ma ho deciso di scoraggiare / umilmente

e con cautela i miei mentori

di conseguenza continuerò a scrivere

in modo uguale a me ovverossia

in modo ovvio ironico terrestre

meccanico mesto e disadorno

(per altri aggettivi si prega consultare

le critiche degli ultimi trent'anni)

e questo avviene forse perché non so esser altro

che quell'altro che sono per gli altri

Argomento

Poesia

Destinatari

Adulti
copertina Inventario : poesie 1948-2000

Inventario : poesie 1948-2000

/ Mario Benedetti
Mario Benedetti (Uruguay, 1920-2009), con oltre cinquanta opere, che abbracciano tutti i generi let...
To top

Ricerca

Visualizza

Eventi / Avvisi

Bibliografie

Percorsi tematici

Ricerca semplice

Visualizza

Ricerca per area

Visualizza

Ricerca strutturata

Visualizza