Donna fatale, donna senza pietà, donna-vampiro, un breve percorso bibliografico

Creato da:
Andras
Sei in: Bibliografie
Ultimo aggiornamento: 25/03/2021

Busto marmoreo di scuola alessandrina raffigurante la regina Cleopatra (Altes Museum Berlino)

A complemento dell’immagine della femme fatale disegnata di generazione in generazione dagli uomini – e della quale si è tentato un breve riassunto nell'articolo de La donna fatale, viaggio secolare nell'immaginario maschile – è forse utile gettare uno sguardo dietro la maschera della donna senza pietà, togliere il trucco alle varie Cleopatre, Salomé, Agrippine e Messaline.
Il complesso di Cleopatra prende il nome dall'affascinante regina egiziana, donna viziatissima dal padre, avida e capricciosa, dalle innumerevoli avventure amorose e con la passione per il potere. Proprio per la sua fama Dante la condannò all'inferno mentre Shakespeare la chiamò serpente del Nilo. In realtà non particolarmente bella come vuole il suo mito, le si riconoscono doti di abile seduttrice.
Il Complesso di Cleopatra è un disturbo narcisistico che colpisce le donne, versione femminile dell'altrettanto noto Complesso di Achille. La donna che ne è affetta appare come forte e sicura di sé, dotata di charme e carisma, volubile, stravagante e teatrale nei modi. Vanitosa, competitiva e dominatrice, si rivela capace di far perdere completamente la testa a chiunque. Utilizza l'eros e il proprio corpo per avere considerazione ed ottenere adulazione al fine di gratificare il suo sé grandioso ed egocentrico.
Si tratta, tuttavia, di un atteggiamento altamente seduttivo e manipolatorio fortemente difensivo che nasconde in realtà profonda fragilità ed insicurezza interiore. Dietro la facciata esteriore di femme fatale, ammaliatrice irresistibile senza scrupoli e conquistatrice a tutti i costi e con tutti i mezzi (intrighi, ricatti, bugie, ecc..), si cela, spesso, una donna debole ed infelice, non di rado in fuga dalle relazioni sentimentali. L'atteggiamento di ostentazione spavalda e sfacciata di sensualità rappresenta una corazza esterna dietro alla quale si scherma.
La donna con Complesso di Cleopatra, in altre parole, mostra a tutti una falsa identità, effimera, inconsistente e solo all'apparenza vincente. Di fatto è una donna che, nel corso della sua esistenza, si è vista, il più delle volte, costretta a compiacere le richieste dell'ambiente esterno e che ha vissuto esperienze di carenze affettive importanti che hanno prodotto enormi 'buchi' emotivi, difficili da rimediare e colmare. Ha imparato con il tempo ad utilizzare il fascino e la bellezza per attirare ed utilizzare gli altri a proprio scopo e piacimento. Le sue relazioni interpersonali sono superficiali e strumentali al raggiungimento dei suoi obiettivi e al soddisfacimento dei suoi bisogni.
L'involucro illusorio e finto di cui si riveste, a compensazione e difesa di un interiorità estremamente fragile e vuota, rischia di andare a pezzi senza l'approvazione e l'ammirazione dell'altro, da cui dipende disperatamente per la sua sopravvivenza psicologica.

Otto Dix, La ballerina Anita Berber
Un esempio di come lo stereotipo romantico decadente della donna demone possa, vissuta al suo estremo, precipitare chi lo impersona o recita in un abisso esiziale, è la ballerina, attrice e scrittrice Anita Berber. Idolo della Berlino frivola degli anni ’20 la Berber era considerata abietta, una Vamp e Femme Fatale, il simbolo dell’eccesso puro e allo stesso modo personificazione della nuova donna volitiva, del bohémien al femminile. La sua condotta di vita era reiteratamente causa di pubbliche proteste. La ballerina attraeva gli scandali come una calamita: dichiaratamente bisessuale, consumava morfina e cocaina, si scollava una bottiglia di cognac al giorno e per di più era estremamente rissosa con chiunque la contestava. La sua sfrenatezza e disinibizione personificò la selvaggia pulsione esistenziale della sua generazione, incapace di pensare ad un futuro già perduto. Fu così che Anita divenne l’idolo dell’inflazione, la sua Dea della Morte. Nel 1925 posava nuda per Otto Dix, che la dipinse invecchiata di anni che l'attrice non avrebbe mai vissuti: emaciata, con il viso smunto, pieno di rughe, la bocca rossa sangue, il colorito pallido e  occhiaie nere come la morte. La vamp berlinese non vendeva il suo corpo soltanto come modella, lo prestò anche fisicamente al primo offerente: Martha Dix: “Qualcuno le si volgeva la parola, e lei rispose subito 200 marchi. Non lo trovavo così terribile. In qualche modo doveva pure guadagnarsi il pane.” I suoi balli esibiti senza veli - le locande parlarono di Die Tänze des Lasters, des Grauens und der Ekstase (Balli del vizio, dell'orrore e dell'estasi) - scatenarono quasi sempre tumulti in mezzo alla platea.”
Sotto: Anita Berber in "Cocaine" (Madame d'Ora, i.e. Dora Kallmus, 1922)

Klaus Mann
recensiva una sua esibizione con le seguenti parole: “Altri ballano la fame e l’isteria, la paura e l’avidità, il panico e l’orrore…Anita Berber – il suo viso congelato in una maschera sgargiante sotto gli spaventosi ricci della sua parrucca scarlatta – balla il coitus.”,  mentre il corrispondente anglo-tedesco Paul Marcus (PEM) cantando ormai il crepuscolo alla donna fatale, le toglieva la maschera di terrore:
… la Berber è l’incarnazione della parodia. Fino al midollo donna demoniaca è ormai fuori moda. La bocca viziosa, gli occhi cattivi, depravata fin nelle punte dei cappelli. Così avanza strisciando. Circondata da un’irreale aura maschile, si ritira subitaneamente, seduce e appare come un brutto, opprimente incubo. Nulla è veritiero. Tutto montatura. La mano sottile, il corpo di serpente sussurrano: Guardate, quanto sono brava. Così era forse la donna dell’altro ieri. Raffinata, artificiale e ingenuamente seducente. …”.
Dopo una carriera tanto folgorante quanto scandalosa Anita Berber - a ricordo della compagna di sventura Lulu di Wedekind - muore all’età di 29 anni di tubercolosi e ... di femme fatale.
 

Fonte:

Le armi della seduzione. Il complesso di Cleopatra, url: https://dottcinziacefalo.blogspot.com/2019/01/le-armi-della-seduzione-il-complesso-di.html (consultato il 15/03/2021)
Ricarda D. Herbrand, Göttin und Idol. Anita Berber und Marlene Dietrich. Aufbruch in die Moderne – Drogen in den Zwanzigern (Skript) (Memento vom 16. Oktober 2003 im Internet Archive)


copertina Le amicizie pericolose

Le amicizie pericolose

/ Pierre Choderlos de Laclos
copertina Aphrodite : costumi antichi

Aphrodite : costumi antichi

/ Pierre Louÿs
Nell'antica Alessandria d'Egitto lo scultore Demetrios, amante della regina Berenice, è l'uomo più ...
copertina Attrazione fatale

Attrazione fatale

/ H. B. Gilmour
copertina Black Dahlia [DVD]

Black Dahlia [DVD]

/ un film di Brian De Palma
Nella Hollywood del 1947 due poliziotti ed ex-pugili, Lee Blanchard e Bucky Bleichert, vengono inca...
copertina Carmen e altri racconti

Carmen e altri racconti

/ Prosper Merimée
copertina Carmen story [DVD]

Carmen story [DVD]

/ di Carlos Saura
La storia della Carmen di Bizet ha qui come punto di partenza la preparazione di una nuova produzio...
copertina Chi ha incastrato Roger Rabbit [DVD]

Chi ha incastrato Roger Rabbit [DVD]

/ un film di Robert Zemeckis
Nel 1948 ad Hollywood esseri umani e cartoni animati convivono. Il coniglio a cartoni Roger Rabbit ...
copertina Erodiade : opera-ballo in quattro atti

Erodiade : opera-ballo in quattro atti

/ dei signori A. Zanardini, P. Milliet, H. Gremont
copertina Fedra

Fedra

/ Gabriele d'Annunzio
copertina Figlie di tanta madre

Figlie di tanta madre

/ Pierre Louys
Un giovanotto si ritrova come vicine di casa quattro donne molto speciali: una signora di trentasei...
copertina Gilda [DVD]

Gilda [DVD]

/ [directed by Charles Vidor]
Johnny Farrel accetta di lavorare nella bisca di Ballin Mundson, l'uomo che gli ha salvato la vita....
copertina L'innocente

L'innocente

: romanzo / Gabriele d'Annunzio
copertina L'innocente

L'innocente

/ Gabriele D'Annunzio
copertina Lou von Salomé [DVD]

Lou von Salomé [DVD]

/ un film di Cordula Kablitz-Post
copertina Lulu

Lulu

/ Frank Wedekind
copertina Madamigella di Maupin

Madamigella di Maupin

/ Theophile Gautier
copertina Il monaco

Il monaco

: romanzo / Matthew G. Lewis
copertina Il monaco

Il monaco

/ M. G. Lewis, Antonin Artaud
copertina La morte paga doppio

La morte paga doppio

/ James M. Cain
Un thriller che parla di una donna che uccide il marito per riscuotere l'assicurazione. Un archetip...
copertina Le muse di Klimt

Le muse di Klimt

/ Paola Romagnoli
A cavallo tra finzione e storia, l'autrice evidenzia il ruolo che l'universo femminile ha avuto nel...
copertina Nanà

Nanà

/ Emile Zola
copertina Nanà

Nanà

/ Emile Zola
copertina Una peccatrice

Una peccatrice

/ Giovanni Verga
copertina Il piacere

Il piacere

/ Gabriele D'Annunzio
copertina Il piacere

Il piacere

/ Gabriele D'Annunzio
copertina Il piacere

Il piacere

/ Gabriele D'Annunzio
copertina Il Piacere

Il Piacere

/ Gabriele D'Annunzio
copertina Le relazioni pericolose [DVD]

Le relazioni pericolose [DVD]

/ [directet by Stephen Frears]
La bella marchesa di Mertreuil spinge verso altre donne (da lei accortamente individuate) il suo ex...
copertina Salambò

Salambò

/ Gustave Flaubert
copertina Salambò

Salambò

/ Gustave Flaubert
Al termine della prima guerra punica i mercenari che hanno combattuto per Amilcare Barca si ribella...
copertina Sotto la pelle

Sotto la pelle

/ Michel Faber
copertina La spia

La spia

/ Paulo Coelho
Parigi, prigione di Saint-Lazare, 1917. Una donna attende con fierezza la propria esecuzione. Le ri...
copertina Trionfo della morte

Trionfo della morte

/ Gabriele d'Annunzio
copertina Venere in pelliccia

Venere in pelliccia

/ Leopold Von Sacher-Masoch
"Sia principessa o contadina, sia che indossi l'ermellino o il mantello foderato di pelo d'agnello,...
To top

Ricerca

Visualizza

Eventi / Avvisi

Bibliografie

Percorsi tematici

Ricerca semplice

Visualizza

Ricerca per area

Visualizza

Ricerca strutturata

Visualizza