Gli studenti di Ayotzinapa


43 gli studenti "desaparecidos" in Messico il 26 settembre del 2014. Appartenevano alla scuola rurale di Ayotzinapa, nello stato di Guerrero. Che cosa è successo in quella terribile notte?
La verità è ancora lontana. Le madri e i padri dei liceali scomparsi non credono alla versione ufficiale per cui i ragazzi sarebbero stati rapiti, uccisi e cremati la stessa notte del 26 settembre 2014, e quando parlano di loro, usano sempre il tempo presente.
Gli inquirenti messicani hanno sempre dichiarato che i 43 studenti scomparsi, sarebbero stati confusi con un gruppo di narcotrafficanti e quindi bruciati nella discarica di Colula da un cartello rivale, poi le ceneri sarebbero state gettate nel fiume San Juan, ma ci sono ancora molte incongruenze e ommissioni da parte delle autorità. Inchieste scientifiche e giornalistiche smontano punto per punto la versione ufficiale.





Per non dimenticare i 43 "desaparesidos" e mantenere alta l'attenzione internazionale, ci sono stati  appelli e  manifestazioni, e un ebook "libero e militante": 43 por Ayotzinapa.
Per scaricare il libro in pdf  clicca qui  43_por_Ayotzinapa.pdf
Per consultare la scheda su Wikipedia clicca qui

Potrebbe interessarti anche il film con Jennifer Lopez "Bordertown".

Il film è ambientato a Ciudad Juarez, al confine tra Messico e Stati Uniti. Qui un personale a prevalenza femminile produce televisori, computer... che verranno poi venduti a prezzi contenuti negli Usa e nel mondo. Queste donne, in gran parte giovani, godono di poche garanzie sul piano lavorativo, e di nessuna su quello della dignità della persona. Centinaia di loro sono state infatti rapite, stuprate e uccise senza che le autorità locali andassero oltre le formalità di rito...

Ultimo aggiornamento
08/04/2020