Biblioteche
I racconti dei vicoletti, di Nie Jun

“Bao” in cinese significa “tesoro” ed è il nome che la casa editrice Bao publishig ha scelto per la nuova collana tutta dedicata ai tesori del Fumetto cinese contemporaneo.
Sicuramente ”I racconti dei vicoletti”, graphic novel del fumettista moderno Nie Jun, ha le caratteristiche per essere definita tale.
Fin dalla copertina gli straordinari acquerelli sono un’esplosione, delicata, di colori dalle diverse tonalità; colori che animano la vita che brulica nei vicoletti di una luminosa periferia di Pechino. 
Cosa ci fanno seduti insieme su una panchina questi due personaggi così diversi tra loro?
Si stanno riposando? O forse sono pronti per una nuova avventura? Perché come impareremo in questa raccolta di brevi racconti, il nonno Doubao e la giovane nipotina Yu’er non sono proprio capaci di stare fermi, sono un concentrato di grinta, leggerezza, simpatia e tenerezza. 
Yu’er è una bambina affetta da una malformazione alle gambe e già nel suo nome, in cinese “ragazza-pesce”,  trova origine il suo sogno: diventare una campionessa di nuoto. Un sogno irrealizzabile per coloro che la chiamano “la storpia”, ma non di certo per il nonno il cui motto è “non bisogna mai smettere di crederci”! Per lui nuotare è come volare… chissà cosa si inventerà per aiutare la sua nipotina? 
Nonno Doubao è proprio buffo, sprigiona simpatia e determinazione da tutti i pori, anche lui è stato bambino, ama le piccole cose, come ad esempio i piccoli insetti che possono diventare i protagonisti di un grande concerto e “che sono molto più forti di quanto immaginiamo”. 
Nei vicoletti tra le case fa capolino una buca delle lettere verde, il nonno la conosce bene perché da giovane faceva il postino e galeotto fu il francobollo di una lettera… ecco la buona occasione per raccontare a Yu’er come è nata la storia d’amore tra lui e l’amata moglie, la nonna che Yu’er non ha mai “realmente” conosciuto. Anche in questo caso il finale è tutto da scoprire.
L’ultima storia è tutta da ridere, in prima pagina il titolo si presenta in compagnia di due dentiere!! Sembra quasi di sentirli battibeccare quei due vecchi bambini, cane e gatto fin dall'infanzia: il vecchio Zucca, pittore brontolone e il bonario Doubao che, con la sua ironia e determinazione, saprà scalfire anche il cuore di quello zuccone.
Ogni giorno gli abitanti dei vicoletti non si lasciano scappare l’occasione di andare ad ascoltare le storie del  nonno di Yu’er che porta con sé l’arte del saper raccontare, un’arte che Nie Jun con questa sua graphic novel ha dimostrato di possedere a piene mani.
Tempo e spazio non hanno limiti, passato e presente si intrecciano, ma anche fantasia e realtà, tanto che in alcuni momenti viene quasi da chiedersi “sogno o son desto?” 
La sua briosa narrazione porta il buon umore, frammenti di vita quotidiana, piccoli gesti che diventano spunti per riflettere sull'importanza dei sogni, sul saper superare i propri limiti anche grazie alle persone che ci stanno accanto e che con l’empatia fanno di questo mondo un luogo migliore.

Per chi vuole sorridere e commuoversi… il libro è servito!
Miniatura copertina
I racconti dei vicolettiI racconti dei vicoletti / Nie JunIn una Pechino permeata dalla magia delle piccole cose e dei piccoli gesti di tutti i giorni, Tu'er...